VEDERE LA SCIENZA 2005

Potenza   10/5/2005 - 19/5/2005

Biblioteca provinciale e Aula Magna dell’Università della Basilicata - Matera
Aula Magna di Scienze del Campus di Macchia Romana dell’Università della Basilicata - Potenza

foto

Ammazzando il tempo



  1. Titolo originale: Killing time
  2. Regia: Ijsbrand van Veelen
  3. Montaggio: J. P. Luisterberg
  4. Fotografia: Niel's van't Hoff
  5. Suono: Marc Witte
  6. Produzione: VPRO Television
  7. Nazionalità: Paesi Bassi
  8. Durata: 25 min.
  9. Anno: 2000

Nell’XI libro delle Confessioni S. Agostino si domanda “Che cosa è dunque il tempo? Se nessuno me ne chiede, lo so bene: ma se volessi darne spiegazione a chi me ne chiede, non lo so”. 1500 anni dopo, il fisico teorico Julian Barbour tenta di porre l’ultima parola su uno dei problemi costanti della riflessione filosofica e scientifica: il concetto di “tempo”. “Il tempo non esiste!” è la sorprendente conclusione a cui approda Barbour nel suo libro “The End of Time – The Next Revolution in Physics”. Nel documentario della VPRO lo stesso scienziato (classe 1937, inglese) tenta di spiegare la sua sconcertante teoria con semplici trucchi, come foto polaroid e modellini di corde e triangoli. Barbour cita grandi personaggi della fisica che hanno dato un contributo originale alla nozione di tempo: Huygens, Newton, Mach e Einstein che, con la teoria della relatività, portò alla notorietà l’unificazione spazio-temporale proposta da Minkowski. In particolare la negazione dell’esistenza del tempo sarebbe l’interpretazione esatta per poter unificare la teoria della relatività generale e la meccanica quantistica, l’obiettivo a cui tende con grandi sforzi la fisica teorica contemporanea (ad esempio con la teoria delle stringhe). Barbour abbandona la concezione del tempo lineare - progressiva, per proporne una nuova, capace di spiegare facilmente anche il Big Bang. Il suo universo senza tempo, chiamato Plationa (in onore a Platone), è un mondo dove tutto si è congelato. In Platonia tutto esiste contemporaneamente e rappresenta, dunque, un modello di eternità. Se tale ipotesi risultasse essere l’interpretazione corretta dell’universo che ci circonda, allora l’intera cosmologia e la teoria quantistica andrebbero riviste e corrette.

Altre proiezioni:

VEDERE LA SCIENZA 2001
VEDERE LA SCIENZA 2002
Vedere la Scienza
italiano