Vedere la Scienza Festival

Festival Internazionale del Video, del Film e del Documentario Scientifico - XVI edizione

Milano   26/3/2012 - 3/4/2012

Spazio Oberdan, Viale Vittorio Veneto 2 e Mediateca Santa Teresa, Via Moscova 28 - MILANO

foto

La rivoluzione delle cellule staminali



  1. Autore: Amy Hardie, Kate Doherty, Clare Blackburn
  2. Regia: Amy Hardie
  3. Consulenza scientifica: Austin Smith, Ian Chambers, Michele de Luca, Daniel Pipeleers
  4. Montaggio: Alex Broad, John Kerry, Hazel Baillie, Cassie Durham
  5. Fotografia: Ian Dodds, Scott Ward, Inbal Goldstein
  6. Musica: Malcolm Lindsay
  7. Suono: Marcelo de Oliveira, Douglas Fairgrieve
  8. Produttore: Amy Hardie, Clare Blackburn
  9. Produzione: Scottish Documentary Institute
  10. Nazionalità: Gran Bretagna
  11. Durata: 71 min.
  12. Anno: 2011

Il documentario ripercorre la storia scientifica della ricerca sulle cellule staminali, dagli esperimenti con cui furono individuate per la prima volta nell’organismo, agli attuali sviluppi scientifici e clinici ai più alti livelli.

La scoperta delle staminali avvenne a seguito degli studi sugli effetti dell’esposizione alle radiazioni, quando si capì che molti sopravvissuti alla bomba di Hiroshima andavano comunque incontro alla morte perché la produzione di sangue nel midollo osseo si interrompeva. Una produzione essenziale, il cui meccanismo di produzione originata da staminali fu compreso nel 1961 da J.E. Till e E.A. McCulloch. Nel 1984 ci fu il primo impiego di queste cellule nella cura di un paziente, un giovane gravemente ustionato. Oggi sono aperti diversi campi di applicazione, come la cura di alcune forme di cecità.

Il film fa il punto sulla ricerca ma non trascura l’accenno alle questioni etiche in un settore che sta vivendo un momento storico. Dopo aver profondamente modificato le conoscenze sul corpo umano, le staminali hanno aperto una nuova fase di svolta, con i recenti risultati di S. Yamanaka, pioniere delle cellule staminali pluripotenti indotte (IPS) derivate artificialmente da cellule somatiche adulte.

Con il supporto di efficaci animazioni e interviste a scienziati di fama mondiale - tra cui il Premio Nobel Martin Evans e Ian Wilmut, creatore della pecora Dolly - il film offre un esempio di virtuosa collaborazione tra scienziati e documentaristi.

italiano