Vedere la Scienza Festival

Festival Internazionale del Video, del Film e del Documentario Scientifico

Milano   30/3/2009 - 5/4/2009

Spazio Oberdan, viale Vittorio Veneto 2 - Milano

foto

La vita, l’amore e Parigi - Incontro con Alfred Nobel



  1. Titolo originale: Livet, Kärleken och Paris. En intervjun med Herr Nobel
  2. Autore: Karin Wegsjö
  3. Regia: Karin Wegsjö
  4. Consulenza scientifica: Anders Baràny
  5. Montaggio: Fredrik Alneng
  6. Fotografia: Anders Bohman, Jonas Alarik
  7. Musica: Magnus Lagerqvist Andersson
  8. Suono: Björn Becker
  9. Produzione: Karin Wegsjö Prod. for the Nobel Museum, Stockholm
  10. Nazionalità: Svezia
  11. Durata: 17 min.
  12. Anno: 2008

Sanremo, maggio 1895. Alfred Nobel è nella sua bella villa che chiamava “il mio nido”. Accusato di spionaggio, pochi anni prima aveva dovuto lasciare Parigi, dove si occupava di esplosivi nel suo laboratorio. Abitava a Parigi da vent’anni e non immaginava di doversene andare. Pensava di restarci per il resto della vita…
Eccolo invece in Italia, nella Riviera Ligure: qualche rimpianto per aver dovuto lasciare la vivace capitale ma qui aveva trovato dimora in una posizione piacevole e con un ottimo clima. Non poteva stare senza il suo lavoro in laboratorio e così ne aveva allestito uno non molto lontano da casa. Divideva il suo tempo tra il laboratorio in Italia, le sue proprietà in Svezia e la fabbrica di cannoni Bofors.
Quando lo incontriamo è appena rientrato da un viaggio in Svezia, come sempre preoccupato per il suo stato di salute, per nulla contento di quest’intervista filmata. Tuttavia, dopo averci concesso di incontrarlo si apre a una cortese chiacchierata in un gradevole giorno della primavera 1895, appena un anno prima della sua morte.
L’intervista con Alfred Nobel assume subito i tratti di un dialogo che affonda nei suoi pensieri più privati, con intensa testimonianza della sua vita a Parigi, della sua vita affettiva, della responsabilità dello scienziato e del suo lavoro su esplosivi e cannoni.
L’anziano Alfred Nobel è interpretato da Per Sandberg mentre Marcus Doverud è il giovane Nobel. L’intervista è liberamente ideata dall’autrice, sulla base degli scritti dello stesso Alfred Nobel e delle sue poesie.

italiano