Vedere la Scienza Festival

Festival Internazionale del Video, del Film e del Documentario Scientifico

Milano   30/3/2009 - 5/4/2009

Spazio Oberdan, viale Vittorio Veneto 2 - Milano

foto

Ali di farfalla



  1. Titolo originale: Four Wings and a Prayer
  2. Autore: Nick De Pencier
  3. Regia: Nick De Pencier
  4. Montaggio: Roland Schlimme
  5. Fotografia: Etienne Carton de Grammont
  6. Musica: Jorge Arriagada
  7. Suono: Henri Maïkoff
  8. Produzione: Films A Trois/Primitive Entertainment
  9. Nazionalità: Francia
  10. Durata: 80 min.
  11. Anno: 2007

Ha un’apertura alare di 10 cm e una livrea dai colori decisi accostati a formare disegni armoniosi. Pesa solo mezzo grammo e ha l’aspetto di un essere delicatissimo. Eppure è protagonista di faticose migrazioni lungo percorsi che raggiungono anche 5.000 chilometri: è la farfalla monarca. Quando giunge l’autunno, le farfalle che nascono in Canada sanno che è il momento di partire per una destinazione lontana, il Messico, da dove sono venute le loro generazioni precedenti. E’ l’istinto a guidarle, a far loro schivare i pericoli, a farle volare solo quando il Sole è sopra l’orizzonte e il tempo meteorologico favorevole.
Possono volare per decine e decine di km al giorno, sapendo sfruttare efficacemente le correnti d’aria per risparmiare un po’ dell’energia che consumano con il battito delle ali. E’ straordinario come riescano a orientarsi in un viaggio così lungo, per una destinazione così precisa, Michoacan, dove sono attese e accolte secondo un’antica tradizione che sa di sacro e di profano.
Ali di farfalla è un film-documentario, visivamente molto intenso, su una delle più belle e misteriose creature in natura: un potente mix di meraviglia scientifica, struggente bellezza ed epica lotta per la sopravvivenza. Il film indaga i segreti della farfalla monarca e il suo mondo. Visiteremo luoghi incantevoli dove la farfalla monarca è di casa; incontreremo i suoi amici e i suoi nemici: in entrambi i ruoli troveremo anche gli uomini. Vivremo una delle più coinvolgenti odissee migratorie che si possano immaginare.
Premio per il Miglior Documentario naturalistico al BANFF Festival 2008.

italiano