VEDERE LA SCIENZA 2006

Torino   3/3/2006 - 7/3/2006

Cinema Centrale - Via Carlo Alberto 27 - Torino

foto

Vita artificiale



  1. Titolo originale: Artificial life
  2. Regia: Julia Cort
  3. Montaggio: Doug Quade
  4. Musica: Rob Morsberger
  5. Conduttore / Presenter and Executive Editor
    Robert Krulwich
  6. Produttore: Julia Cort
  7. Produzione: Nova
  8. Produttore esecutivo: Samuel Fine
  9. Nazionalità: USA
  10. Durata: 15 min.
  11. Anno: 2005

Forse domani, o forse fra vent’anni, gli scienziati potrebbero annunciare di essere riusciti a creare la vita dal nulla, trasformando sostanze chimiche inerti in esseri viventi in grado di riprodursi e magari anche di evolversi. Un tale progresso della scienza cambierebbe la vostra opinione sul modo in cui è apparsa la vita sulla Terra? Qualcuno ritiene che questo evento “demistificherebbe” la vita in modo preoccupante; altri invece lo accoglierebbero come un passo avanti della conocenza scientifica.
L’approccio dei ricercatori alla vita artificiale è duplice: dal basso verso l’alto, o dall’alto verso il basso. Il primo crea cellule vive partendo da elementi inerti, mentre il secondo comporta una modifica delle strutture cellulari (spesso tramite semplificazione del materiale genetico) che renda la cellula meno complessa e ne identifichi l’essenza, eliminando tutti gli elementi inutili.
Questo documentario di NOVA scienceNOW spiega come gli scienziati stiano tentando di creare minuscole forme di vita convertendo materia inerte in esseri viventi in grado di auto-sostentarsi. Vengono discussi gli elementi necessari alla vita: una struttura formata da uno spazio chiuso (ad esempio la membrana o la parete cellulare), la capacità di crescere e modificarsi attraverso il consumo di energia e lo smaltimento delle scorie, la capacità di riprodursi e trasferire i propri tratti alla prole e, per alcuni, la capacità di evolversi. Il documentario mostra gli scienziati intenti a combinare le basi costitutive (adenina, timina, guanina e citosina) in modo da formare DNA in grado di auto-assemblarsi in un gene responsabile di una funzione specifica, ad esempio un bagliore fosforescente verde in una colonia di batteri.
Ma creare dal nulla una creatura che soddisfi tutti i quattro requisiti della vita è molto, molto più difficile che produrre un gene. E in effetti, nessuno finora ci è riuscito. Oggi gli scienziati di tutto il mondo stanno studiando le diverse tessere che compongono questo puzzle. Ma, se e quando riusciremo a creare la vita, sapremo anche controllarla?

Altre proiezioni:

VEDERE LA SCIENZA 2006
italiano